Pratiche commerciali sleali tra imprese alimentari, webinar

Con il decreto 198/2021 del 8 novembre 2021 l’Italia ha finalmente recepito la direttiva (UE) 2019/633 del 17 aprile 2019 che vieta determinate pratiche commerciali sleali tra imprese alimentari ed abroga la precedente normativa del 2012.

Quali le pratiche commerciali sleali da evitare? Come devono essere aggiornati DDT, contratti, fatture per rispondere ai requisiti europei ed italiani? Come attivare i controlli?

Ne parliamo con l’avvocato Dario Dongo il 04 aprile ore 17:30.

Pratiche commerciali sleali, l’obiettivo della direttiva europea

Il Decreto Legislativo introduce norme finalizzate a contrastare ed impedire le pratiche commerciali sleali negli scambi tra gli operatori della filiera alimentare. Rientrano nell’ambito di interesse della norma tutte le cessioni di prodotti alimentari esclusi il B2C.

Ciò in considerazione del fatto che nella catena dell’approvvigionamento alimentare, le piccole e medie imprese spesso subiscono pratiche che si discostano dalla buona condotta commerciale e sono contrarie ai principi di buona fede e correttezza.

La nuova norma garantisce un livello di tutela comune a tutta l’Unione Europea, a partire dalla individuazione di un elenco di pratiche commerciali vietate e di un elenco di pratiche che saranno autorizzate solo se concordate, in termini chiari e univoci tra le parti, al momento della conclusione dell’accordo di fornitura.

I controlli in Italia sulle pratiche commerciali sleali

Il contrasto alle pratiche commerciali sleali in ambito agricolo e alimentare è materia di attenzione del legislatore da parecchio tempo. Grande interesse suscitò il fatidico articolo 62 della legge 27/12, superato e abrogato dal D.Lgs 198/2021.

L’efficacia della nuova legge dipenderà in buona parte dall’incisività dei controlli. E qui ci sono delle importanti novità. L’Autorità nazionale incaricata di vigilare sul rispetto delle disposizioni del Decreto in esame nei è l’ICQRF -Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari.

La segnalazione può essere effettuata da chiunque e in qualsiasi momento tramite la compilazione di appositi documenti di segnalazione disponibili sul sito del Ministero delle Politiche Agricole alimentari e Forestali.

Webinar lunedì 04 aprile ore 17:30

Su suggerimento del direttivo di categoria Alimentari, Confartigianato Imprese Sondrio organizza un nuovo appuntamento formativo dedicato alle imprese associate.

Durante il webinar verranno illustrati i fondamentali della vendita di prodotti alimentari tra imprese, approfondendo con esempi concreti, i seguenti argomenti: Campo di applicazione, elementi essenziali del contratto di vendita, forma scritta, durata del contratto, accordi quadro, termini di pagamento, vendite sottocosto.

I partecipanti, già all’atto dell’iscrizione potranno inviare richieste di delucidazione.

Informazioni

Ufficio categorie e mercato, referente dottor Pietro Della Ferrera ( pietro.dellaferrera@artigiani.sondrio.it – 347.3698217)

D.lgs 198/2021, Dario Dongo, Great Italian food trade, ICQRF, pratiche commerciali sleali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Confartigianato Imprese Sondrio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 80003370147 - P.IVA 00582080149 
PEC: confartigianatoimpresesondrio@legalmail.it

Confartigianato - informativa privacy

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.

Unidata - informativa privacy

CONTATTI