Rinnovo delle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera in regime ordinario antecedenti il D.Lgs. 152/06 – Prima scadenza al 31/12/2011

Tutte le attività che danno origine ad emissioni in atmosfera devono essere autorizzate dall’organismo competente in regime ordinario o a carattere generale.
La normativa di riferimento per il rilascio delle autorizzazioni in atmosfera fa capo al D.Lgs. 152/06, entrato in vigore dal 29 aprile 2006. Da tale data le autorizzazioni in atmosfera hanno una durata di 15 anni, oltre la quale devono essere rinnovate dall’autorità competente. Il rinnovo delle autorizzazioni in via generale, previste per le attività artigiane a ridotto inquinamento atmosferico, è già stato regolamentato lo scorso anno con provvedimento della Provincia di Sondrio entrato in vigore il 1º agosto 2009
Per quanto riguarda invece le autorizzazioni alle emissioni in regime ordinario rilasciate precedentemente al 29 aprile 2006, l’art. 281 del decreto ha disposto che dovessero essere rinnovate secondo un calendario predisposto dall’autorità competente o, in sua assenza, secondo quanto stabilito dall’articolo stesso.
La Provincia di Sondrio ha deciso di approvare il calendario riportato di seguito, trasmesso dalla Regione Lombardia a tutte le Province lombarde con il fine di assicurare un esercizio uniforme e coordinato sul territorio lombardo.
Il rinnovo riguarda pertanto le attività artigiane già autorizzate in via ordinaria, cioè con una vera e propria autorizzazione all’esercizio dell’impianto stesso, in quanto l’autorità competente potrebbe imporre modifiche tecniche prima della sua realizzazione.
L’autorizzazione alle emissioni in atmosfera in via ordinaria è obbligatoriamente prevista nel caso di superamento dei requisiti e dei parametri specificati per l’autorizzazione in via generale o in presenza di situazioni particolari di rischio sanitario (ad esempio emissione sostanze cancerogene o tossiche in quantità particolarmente elevata, utilizzo di sostanze o preparati classificati come cancerogeni a causa del contenuto di Cov indicate in etichetta con le frasi di rischi R45, R46, R49, R60, R61).
La prima scadenza del 31 dicembre 2011 riguarda gli impianti anteriori al 1988 già autorizzati ai sensi del DPR 203/88 in procedura ordinaria sulla base della domanda di autorizzazione a suo tempo presentata e gli impianti che, pur avendo presentato domanda, non hanno mai ottenuto autorizzazione esplicita. Per tali impianti è necessario pertanto presentare domanda di rinnovo dell’autorizzazione “implicita”.
Si rammenta che la mancata presentazione della domanda per il rinnovo dell’autorizzazione determina la decadenza dell’autorizzazione in essere e che l’esercizio degli impianti senza la prevista autorizzazione comporta le sanzioni previste dall’art. 279 del D.Lgs. 152/2006.
La presentazione della domanda di rinnovo entro i termini stabiliti dall’art. 281 consente invece di proseguire con l’esercizio degli impianti (e delle relative emissioni) sino al rilascio della nuova autorizzazione da parte della Provincia, autorità competente in materia.

Maggiori informazioni possono essere richieste alla nostra società partecipata Free Work Servizi srl (tel. 0342 217646)

Ambiente, Sicurezza sul lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Confartigianato Imprese Sondrio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 80003370147 - P.IVA 00582080149 
PEC: confartigianatoimpresesondrio@legalmail.it

Confartigianato - informativa privacy

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.

Unidata - informativa privacy

CONTATTI