Confartigianato denuncia: l’Italia maglia nera per i pagamenti

Da Bruxelles in arrivo la procedura d’infrazione all’Italia peggiore ‘pagatore’ d’Europa

Dopo un anno di attesa e ripetuti avvertimenti, il tempo è scaduto. La Commissione Europea si accinge ad aprire una procedura d’infrazione a carico dell’Italia per il mancato rispetto della legge, in vigore dal primo gennaio 2013, che impone agli Enti pubblici e ai privati 30 giorni di tempo per pagare i fornitori di beni e servizi.

L’annuncio è arrivato dal Vicepresidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, il quale ha ricevuto dal Presidente di Confartigianato Giorgio Merletti la conferma che, negli ultimi 12 mesi, per la stragrande maggioranza delle piccole imprese poco o nulla è cambiato sul fronte dei ritardi di pagamento.

In una conferenza stampa svoltasi a Roma, Merletti ha snocciolato i numeri di un rapporto che traccia un bilancio poco confortante sull’applicazione della legge per combattere i ‘cattivi pagatori’.

In Italia, nel 2013, i tempi medi di pagamento si attestano a 170 giorni. Siamo i peggiori nel Vecchio Continente, ben lontani dalla media europea di 61 giorni e, soprattutto, da quel termine di 30 giorni imposto dalla legge che recepisce la direttiva europea.

Ma la denuncia di Confartigianato non si ferma all’applicazione della nuova legge. Ritardo su ritardo, il nostro Paese stenta anche ad erogare alle imprese i 27 miliardi stanziati dal Governo nel 2013 per saldare i vecchi debiti accumulati dalla Pubblica amministrazione prima del 2013.

“A causa dei mancati pagamenti – ha denunciato Merletti – gli imprenditori hanno dovuto ritardare il versamento di tasse e contributi, hanno dovuto decapitalizzare le aziende, ritardare il pagamento degli stipendi”.

Una situazione insostenibile per gli imprenditori e intollerabile per Bruxelles che ha quindi deciso di intervenire.

“Toppe amministrazioni pubbliche – ha detto il Vice Presidente Tajani – assomigliano troppo allo sceriffo di Nottingham e molto poco a Robin Hood. Poca vicinanza ai cittadini e molto abuso di potere. I dati che ci ha fornito Confartigianato sono molto preoccupanti, dimostrano quanti danni all’economia può provocare il mancato rispetto della Direttiva europea. Questo mi obbliga ad aprire una procedura di infrazione che significherà, a conclusione del suo iter, il pagamento di una sanzione molto forte”.

Confartigianato, Europa, Ritardi di pagamento

Seguici sui social

Rimani sempre in contatto con noi e aggiornato sulle nostre iniziative

Confartigianato Imprese Sondrio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 80003370147 - P.IVA 00582080149 
PEC: confartigianatoimpresesondrio@legalmail.it

Confartigianato - informativa privacy

Unidata s.r.l con unico socio
Largo dell’Artigianato, 1 - 23100 Sondrio
Telefono 0342.514343 Fax 0342.514316
C.F. 00481790145 - N.REA SO-36426
PEC: unidata.sondrio@legalmail.it
Cap. soc. euro 100.000,00 i.v.

Unidata - informativa privacy

CONTATTI